Beatrice Lucrezia Mosca
A casa mia la radio è sempre accesa, mi piace comprare i cari vecchi CD per avere in mano un oggetto da contemplare al posto della sola traccia digitale, non sono un’esperta di musica ma mi applico e mi piace cantare e ballare quando il ritmo mi appassiona. Genere preferito? Diciamo quel rock leggero che ti entra in testa e ti riempie il cuore, condito con un po’ di sano britpop che non fa mai male. Con C.O.L.M.O. ho scoperto che scrivere di musica non è affatto una cosa semplice e che bisogna essere obiettivi nonostante tutto! Per questo blog scriverò quindi le mie impressioni sui concerti e sulla musica del momento, ma mi cimenterò anche in qualche recensione cinematografica, per dirvi la mia sui film in uscita.

 

Alessandro Boggiani
Da quando ho smesso di far finta di suonare il basso ho iniziato a scrivere di musica, cosa che mi viene leggermente meglio. Pessimista ma senza cattiveria, mi travesto da intellettuale che legge libri difficili e ascolta musica molto tecnica, ma la verità è che sono stato folgorato dai Rancid a 15 anni e non mi sono ancora del tutto ripreso: datemi del punk (magari con un leggera e malinconica vena folk) e mi farete felice. Appassionato di qualsiasi cosa con le chitarre e interessato all’impatto della musica, al suo modo di plasmare la società o di adattarsi a essa, di interpretarne gli smottamenti e di esprimerne le contraddizioni. Cose per cui bisognerebbe studiare. Io ci provo.

 

Alessia Marini
Pensata tra Battisti e De Gregori, svezzata a David Gilmour e Mark Knopfler, ho subito l’influenza del Rock n Roll, della musica classica e del vecchio cantautorato nostrano, ma è il Punk ad avermi rubato il cuore. Mi piacciono le opposizioni evidenti, quelle che cozzano fino alle scintille: vivo sospesa in un caleidoscopio musicale che mi rimbalza da un genere all’altro. Ho delle preferenze molto rigide, ma sono anche avida e curiosa quindi tutto ciò che è da scoprire mi attrae, anche se poi si rivela qualcosa di poco gradevole. Perché proprio COLMO? Be’, la Musica ha il grande pregio di riuscire ad esprimere gli imperativi universali che ci accomunano, le emozioni che coviamo dentro e le speranze di un’intera generazione, al di là dei beat e del tipo di distorsione. Vale sempre la pena valorizzarla e diffonderla!

 

Simone Berardis
Dalla provincia con furore, un cultore del POP in tutte le sue forme: dall’arte allo spettacolo, letteratura, serie TV. Ma la musica occupa un posto speciale. Mi potete trovare strimpellare due accordi country e poi ballare freneticamente sulla pista del Plastic, per finire ad ascoltare Calcutta sotto la pioggia. Insomma, la musica é la mia passione e poterne scrivere é un grande privilegio. Per COLMO mi butto sul mainstream, perché mi piace, lo seguo e non riesco a contenere il 15enne che é in me quando parte il grande successo del momento.

 

Giovanni Mastrocinque (Masta)

Cresciuto da una cugina pazza a Marilyn Manson e Nirvana, trascinato ad un live dei Red Hot Chili Peppers nel secolo scorso, dopo un’adolescenza a ritmo di NuMetal con Slipknot e Sepultura, ora ho trovato la pace con il reggae dei giorni nostri (piccola isola la Jamaica, ma grande produzione musicale). Speaker per MWRadio.it, con un microfono davanti alla bocca posso diventare pericoloso per colpa delle mie domande scomode e dall’irriverenza generalizzata che pervade la persone. Specializzato in reggaeologia, seguo per C.O.L.M.O. tutto ciò che è caraibico, ma quel backgound musicale lì, aspettatevi sorprese…

 

Valerio Fiori
Dall’opera all’oi!, dal folk alla vaporwave e tutto quello che ci sta in mezzo, se “ascolto un po’ di tutto” non fosse un’espressione abusata la userei per descrivere le mie preferenze musicali. Scrivo per COLMO perché ogni tanto mi piace prendermi il tempo per fare quello che mi piace e per cui avrei anche studiato. La mia prima fissa sono stati l’hip hop e la musica black in generale, per questo probabilmente scriverò principalmente di rap visto che qua pare non piaccia a nessuno! Sono appassionato anche di teatro e cinema e scriverò anche di questo per annoiarvi con le mie opinioni manichee.

 

Giada Ferreri

Milanese doc, Imbruttita quanto basta. Amo leggere, viaggiare e parlare, parlare, parlare.
Non sono un’esperta di musica, ma ascolto di tutto, dai cd con le nostalgiche compilation anni ’90 alle ultime uscite in radio. E mi piace cantare a squarciagola canzoni di cui non conosco il testo, stonando a livelli imbarazzanti. L’altra mia grande passione è il cinema, lo straniamento totale che solo una sala buia può regalare, e ho un debole per i film strappalacrime. Cosa ci faccio qui? Per COLMO cercherò di trasformare tutto questo in parole, liberando la vena letteraria che è in me. Mi occuperò soprattutto di cinema e vi racconterò le prossime uscite (anche quelle che non fanno piangere nemmeno un po’).